Menu

Ecobionutrizione


Totale post: 11 | Ordine per: Data | Ultimi inseriti


FORUM salute

FORUM salute


ECOBIONUTRIZIONE | 21/01/2016

QUESTO E' UN SITO A CARATTERE SCIENTIFICO ED INFORMATIVO.
LE INFORMAZIONI DA VOI RICHIESTE A:
jeva@albanetsrl.it 
OPPURE jeva@ecobionutrizione.it

SARANNO GRATUITE.

compendio capitolo :

  • scopo del sito
  • intolleranze alimentari
  • potere antiox ; i più potenti antiossidanti naturali

LO SCOPO DI QUESTO SITO E' QUELLO DI DIVULGARE UNA NUOVA CULTURA DEL CIBO E DELLA FITOTERAPIA, con rigore scientifico, una nuova cultura del corpo e della mente CERCANDO UNA COMUNIONE DI INTENTI TRA SALUTE DELL'UOMO E SALUTE DELL'AMBIENTE che gentilmente ci ospita. 

Questo che segue è il primo articolo che esce su forum salute: LEGGI attentamente questo articolo uscito qualche giorno fa su di una rivista americana! 

"POSITION OF THE AMERICAN DIETETIC ASSOCIATION: FOOD AND NUTRITION PROFESSIONALS CAN IMPLEMENT PRACTICES TO CONSERVE NATURAL RESOURCES AND SUPPORT ECOLOGICAL SUSTAINABILITY" 

It is the position of the American dietetic ASSOCIATION to encourage environmentally responsible practices that conserve natural resources, minimize the quantity of waste generated, and support the ecological sustainability of the food system - the process of food production, acces, and trasformation. 

Members of the American dietetic association (ADA) work in settings where efforts to conserve natural resources, minimize...

United States, how food and nutrition professionals can support sustainable agriculture through food guidance, and ways to HELP build community food systems that conserve natural resources. The position concludes by providing some global perspective...


Segnalazione articoli approfondimento
da noi considerati interessanti e/o MOLTO interessanti: 

1) "la scienza del cibo" Le Scienze novembre 2013

2) "Tutto ciò che sai sulle CALORIE è sbagliato" Le Scienze novembre 2013

3) "A tavola CON l'assassino" L'internazionale n° 993 - 2013

4) "Il cibo del benessere" Mente e cervello n° 92 agosto 2012 pag.27-47 (Perchè quello che mangiamo influenza la nostra salute mentale)

5) "8 digiuni per vivere meglio... e salvare il pianeta" Antonio Gentili ed. ANCORA

6) mediterraneità  G. Fatati  Pacini editore


INTOLLERANZE ALIMENTARI:

I sintomi delle intolleranze sono vari e difformi. Talvolta è molto difficile risalire alla causa.

Anche la comparsa dei sintomi talvolta può sembrare non legata all'ingestione di un cibo perchè in genere c'è una soglia il cui superamento necessario per l'insorgenza dei sintomi dipende dalla quantità dell'alimento o dalla somma di una serie di "simili" della cui similitudine il paziente non sospetta.

Dal momento che sono centinaia qui in questa sede verranno menzionate solo le più frequenti:

candidosi recidivanti, cistiti abatteriche, vaginiti ricorrenti, tachicardie, aritmie, prurito, orticaria, acne, dermatiti da contatto, asma, dolori articolari, miositi, crampi, gengive gonfie, depressione, sonnolenza, irritabilità, acufeni ecc.ecc inutile menzionarli tutti anche perchè come potrete aver notato ci troviamo in una giungla: Se c'è un sospetto di intolleranza vale la PENA INIZIARE UNA DIETA MONOTONA ATTRAVERSO CUI TENERE LONTANO LA MAGGIOR PARTE DEGLI EVENTUALI ALLERGENI! 

ACCADE A VOLTE -ANZI QUASI SEMPRE -CHE I PRIMI GIORNI VI SIA UN PEGGIORAMENTO DELLA SINTOMATOLOGIA. QUESTO NON DEVE INDURRE IL PAZIENTE A DESISTERE.Anzi è di buon auspicio. 

Un caso clinico: 

Un ragazzo di 20 anni da tempo si sentiva qualcosa che non sapeva definire! Stanco, depresso, senza voglia di nulla, diminuzione delle performance sportive ! 

Tutte le analisi erano in linea con gli standard. Tante terapie senza successo. 

La mamma me ne parlò ed io me lo feci mandare per un colloquio. Durante la conversazione mi resi conto che di taluni alimenti e precisamente latticini ne faceva un grande abuso. Mi feci preparare un diario dettagliato dal quale evinsi che la sua dieta era troppo carica di latte e derivati... Era stato abituato a vedere il latte come un toccasana ed addirittura ne beveva durante i pasti una quantità spropositata. 

L'ho messo a dieta monotona con eliminazione totale di glutine e derivati del latte.

Dopo una settimana mi telefonò scoraggiato perchè si sentiva molto peggio e la diarrea si era riacutizzata. Lo convinsi a proseguire e non scoraggiarsi perchè questi erano i sintomi della disintossicazione! E' stata dura per me e per lui. Dopo un mese mi disse che si sentiva un'altra persona. Si alzava di buon'ora, era pieno di entusiasmo, aveva riacquistato la forza per sollevanento pesi e la resistenza per la corsa. 

Prendemmo un appuntamento e stilammo insieme una dieta idonea. Dopo sei mesi reinserimmo anche i derivati del latte in modica quantità e solo una volta a settimana e così pure per gli alimenti contenenti glutine . Ad oggi tutto procede alla grande ! Ogni volta che ci incontriamo mi dice che non aveva mai conosciuto questo stato di benessere. 

La prima cosa che va fatta è notare se si è " mangioni" di qualcosa in particolare! Ci sono persone che mangiano pasta e farinacei tutti i santi giorni,vi sono altri che sono golosissimi di latte e formaggi, ecc. 

La dieta invece deve essere varia, ci deve essere alternanza di alimenti variati. Carne, pesce, frutta, verdura con la frequenza riportata nella piramide mediterranea. Frutta e verdure preferibilmente biologici e/o autocoltivati, di stagione e crudi.

I grandi antiossidanti ....................

L'organismo è continuamente sottoposto a stress ossidativo anche fisiologico ovvero derivante da reazioni endogene causate dalla degradazione di sotsnze e macromolecole  e/o autoosiidazione di piccole molecole come catecolammine e flavine,tetraidrofolato ecc. per cui è necessario un "esercito di riparatori che intervengano al più presto come i vigili del fuoco "prima che dilaghi l'incendio .Per rafforzare questo esercito di "antiossidanti " non c'è bisogno alcuno di usare integratori se adottiamo alcuni accorgimenti dietetici.Una dieta molto ricca di verdure ,meglio se crude ,e variata potrà in parte salvaguardarci da un anormale stress ossidativo.

Gli alimenti con più spiccata azione antiox sono :la spremuta di arance in primis,seguono i cavolini di bruxelles,il pompelmo ,il pompelmo rosa spremuto,le fragole ,le prugne nere ,more,spinaci e barbabietole rosse. Per maggiori informazioni vd.grafico e tabella che segue :

Grafico : Potere antiossidante dei cibi epresso in unità ORAC

L'uso di forti antiossidanti nella dieta è raccomandato a tutti ma soprattutto nei diabetici e nei fumatori dove l numero di radical iliberi è maggiore e quindi il danno ossidativo più pericoloso .

Potere antiossidante di alcuni cibi espresso in unità ORAC ( Oxygen Radical Absorbance Capacity ) Unità per porzione (ordine decrescente )

< 500 orac   500 orac > 1000
patata americana 1 unità 433 arancia 1 983 succo d'uva nera 5216 ( un bicchiere )
fagiolini cotti 1 tazza  404 susina 1 626 mirtilli 1 tazza 3480
cavolfiore cotto 1 tazza 400 avocado 1 571 cavolo verde cotto una tazza 2048
uva bianca 1 grappolo  357 patata arrosto 1 575 barbabietola cotta 1782
melanzana 1 unità 326 uva nera (un grappolo) 569 prugne nere 3 1454
mela 1 301 peperone 1 529 cavoli di bruxelles cotti 1 tazza 1384
pesca 1 248 kiwi 1 458 succo di pompelmo un bicchiere 1274
pera 1 - banana 1 221 cipolla 1 360 fragole 1 tazza 1170
melone 3 fette 197 uvetta nera 1 cucchiaio 359 pompelmo rosa 1 1188
spinaci crudi un piatto 182

pomodori crudi 1 116

 

succo d'arancia un bicchiere 1142



® 2018 | www.ecobionutrizione.it/
e-mail:

Tel: 0744 992912
Fax: 0744 995239

Ultimo aggiornamento: 17:15 - 06/08/2018
Note Legali | Cookie Policy
by GruppoWeb
Torna su...