Menu

Ecobionutrizione


Totale post: 11 | Ordine per: Data | Ultimi inseriti


Alimentazione e ambiente

Alimentazione e ambiente


ECOBIONUTRIZIONE | 20/01/2016

PREMESSA:

La comparsa dell'uomo:

Se la terra ha un giorno ovvero è stata generata dal big bang 24 ore fa ( ora 0 ) ed ammesso che ora sia mezzanotte ( ore 24 ),  l' uomo Il primo uomo è arrivato qualche secondo prima della mezzanotte. Che significa questo ? Ciò significa che l'uomo ha fatto la sua comparsa molto tardi sulla terra.

Guardiamo l'orologio della terra:





L'uomo in così poco tempo l'ha depredata... impoverita delle sue risorse, resa un immondezaio, modellata a suo piacimento... cementificata, ha tagliato le foreste e quant'altro cercando di plasmarla e sottometterla ai suoi capricci. Tutto in soli 2 minuti al massimo!

Arriviamo a qualche secondo se prendiamo come riferimento gli ultimi tre secoli quelli che hanno segnato il grande incremento demografico.

Quando mi trovo a spiegare a gente semplice questo concetto uso il seguente paragone.

Dico "pensate al vostro giardino dove il vostro cane gioca, mangia e fa i suoi bisogni, se il giardino è abbastanza grande non vi accorgete neanche della presenza del vostro cane, i bisogni a poco a poco vengono biodegradati, ma, se un giorno cominciate a raccogliere tanti cani vi renderete conto di dover cominciare a saltellare quà e la per non sporcarvi le scarpe. Il vostro giardino è diventato uno schifo, un deposito di escrementi ! La colpa non è dei cani, o del cane, ma della quantità dei cani che lo occupano.

Così nel mondo è la stessa cosa, non è l'individuo o gli individui, la causa è solo il sovraffollamento!

Quali sono le sue cause ? Dedicheremo in un capitolo a sè, una riflessione ed una ricerca a tal proposito perchè esso non è soltanto riconducibile alla riproduzione mirata a salvaguardare la continuità della specie bensì a molteplici interessi che hanno agito in sinergia all'istinto riproduttivo ostacolando non solo una civile pianificazione senza distruzione della vita bensì hanno stimolato l'atto riproduttivo per aumentare  "l'utenza tanto ideologica quanto materiale ". Il consumismo è una delle due facce della stessa medaglia.

Ciò non è un auspicio per un ritorno alla preistoria, ne' un atteggiamento di nichilismo scientifico,  perchè l'uomo ha compiuto miracoli come il volo,  l'esplorazione dello spazio, l 'esplorazione delle particelle sub atomiche della materia, ha costruito la genetica per ricercare i misteri della vita e della trasmissione dei caratteri, ha compiuto miracoli come internet,  bensì,  una valutazione necessaria affinchè il progresso sia più compatibile con la vita di "GAIA".

"Gaia può sopravvivere senza uomo,  ma,  l'uomo non può sopravvivere senza Gaia".

La terra ha vissuto senza di noi per un periodo pari a: 

5.000 .000 di anni ( eta della terra )- 130 .000 anni (età dell'uomo ) = 4.870.000 anni. Per quattromilioniottocentosettantamila anni non ha subito il peso dell'uomo.

E se proprio vogliamo proseguire fino al 1650 (ovvero fino a tre secoli fa ) non eravamo un gran peso per Gaia in quanto il numero totale di uomini sulla terra era di circa 500.000 individui. Ognuno aveva risorse inimaginabili e molti kmq a disposizione. 

Pensate che il 71 % della superficie del globo è coperta dal mare,  per cui di terra ferma,  resta solo il 29 % e di questo 29% solo Cina, Giappone,  Europa, India e sud est asiatico e due tre stati dell'Africa ospitano gran parte della popolazione mondiale con una densità di popolazione che tocca punte di 1.000 abitanti per Kmq . La metà delle terre del mondo è quasi deserta ( fortuna immensa per l'equilibrio ecologico del globo ) perchè inospitale e la parte restante poco popolata perchè poco ospitale (clima struttura e conformazione geologica, altitudine, ecc ). Quindi la superficie ospitale si riduce di molto ; e per di più questo "fazzoletto di terra  "a causa dell'incremento demografico e dei movimenti migratori è costretta a sopportare una quantità sempre maggiore di popolazione ; come un treno affollato la cui destinazione sono i bisogni primari e nel quale già si inizia a litigare per un posto a sedere . E purtroppo non ci si rende conto che anche i posti in piedi sono alla fine ! Quale sarà allora la reazione di coloro che debbono rimanere a terra e che vorrebbero prendere pur accontentandosi di un posto in piedi, il treno che permetta loro di arrivare  "anch'essi  "ad una vita dignitosa ? 

Ogni abitante europeo ha oggi solo due metri quadrati di terra e questi e solo questi dovrebbero servire per il suo attingimento ed il suo smaltimento ed in più dovrebbero essere tenuti come un giardino fiorito affinchè le risorse non vengano a mancare ed affinchè lo smaltimento non sia dannoso per la qualità delle risorse stesse. 

Di questi due metri quadrati non credo sia disposto a cederne una ulteriore porzione! 

E per sfamare i 7.000.000.000 esseri umani attuali che forse con alta probabilità diverranno 8.000.000.000 nel 2025 con aumento per di più della quantità e della tipologia ( più carne) dei consumi pro capite dovuto alla maggiore disponibilità economica dei paesi emergenti ? 

Ripartizione della popolazione sul globo. Densita = abit / Kmq "da Wikipedia"



A Calcutta in India 24.000 persone si spartiscono 1 Kmq . Ciò significa che ogni metro quadrato ospita 24 persone .Più o meno lo stesso spazio a disposizione di un pollo allevato in batteria (30 polli / mq)

In Mongolia 2 abitanti hanno a disposizione un Kmq.

Ma PERCHE' tutto questo può nuocere a Gaia?

l'aumento della popolazione ed inoltre l'aumento della qualità e quantità dei consumi pro capite comporta tutto quanto rappresentato in questo grafico:


Produzione e natura Dinamica consumi-prelievo sugli equilibri ambientali
By Nicola Jeva

La terra è un sistema chiuso.

Oggi le risorse non hanno tempo di rigenerarsi in quanto il loro prelievo da parte dell'uomo è troppo massiccio e veloce. La popolazione aumenta con una velocità sorprendente . Nel 1800 eravamo 920 milioni oggi siamo 7 miliardi,e forse 9 miliardi nel 2040. 

Non solo è aumentata la popolazione ma anche i consumi che dalle circa 1600 kcal/die del 1800 si è passati alle 2700 kcal/die degli Stati Uniti e 2150 kcal/die dell'europa. 

La carne che nel 1800 veniva mediamente consumata nella misura di 16 kg annui pro capite oggi è consumata nella misura di circa 36 kg / annui pro capite e quasi esclusivanete nei paesi industrializzati ed emergenti ( 120 kg circa annui pro capite negli U.S.A e 98 kg annui pro capite in europa ) mentre nei paesi poveri non viene quasi consumata affatto (in India 2,5 kg pro capite per anno,  ed in Africa 18Kg).

Popolazione e impatto 1800-2000 

Il grafico illustra quanto l'incremento seppur enorme della popolazione (LINEA ROSSA ) sia trascurabile se rapportato al prodotto popolazione per kcal consumate ( impatto ambientale ) (linea fucsia ).

by Nicola Jeva 2008

Peso,  consumi,  scorie,  energia 

Inoltre ogni tipo di consumo è generalmente proporzionale al peso dell'individuo. 

Il filtrato e l'escreto è generalmente proporzionale alle quantità ingerite. 

l'energia consumata per gli spostamenti con mezzi ( auto,  aerei,  bus,  ecc ) è direttamente proporzionale al peso dell'individuo . Tanta più energia è consumata tanta più CO2 è prodotta- Alcune compagnie aeree americane avevano pensato ad un tickets straordinario per gli obesi anche per disincentivare questo pericoloso fenomeno dilagante. 

Da ciò deriva che un "mondo di grassi "è un danno per i "portatori di obesità "ma anche per la natura che ci ospita. 

Inoltre vi sono i consumi non alimentari che producono scorie il più delle volte non biodegrabili e scarsamente riciclabili: 

i destini delle scorie o rifiuti sono: 

1) l'abbandono 

2) la discarica 

3) l'incenerimento 

4) il riutilizzo 

Quest'ultima voce è attualmente trascurabile rispetto alle altre le quali costutuiscono tutte quante ad esclusione di alcuna un gravissimo pericolo per la salute dell'uomo! 

Ogni anno nel mondo si producono quattromiliardi di tonnellate di rifiuti, ogni kg non compattato occupa un volume di 9 litri, 1 tonnellata 9.000 litri ovvero nove metricubi, un miliardo di tonnellate 9.000.000.000.000 novemila miliardi di litri ovvero 9.000.000.000 di metri cubi. Un container è trentatre metri cubi ossia ossia 33.000 litri per cui ogni anno ci vorrebbero 38.000.000 containers per contenere questa massa di rifiuti. 

           una delle navi cargo più grandi del mondo carica circa 1.000 containers

Una delle navi cargo più grandi può caricare 1.000 containers alla volta da ciò ne consegue che ogni anno ci vorrebbero 38.000 di queste mega navi, oppure 48000 piramidi di keope o 652 volte l'invaso del lago di Corbara presso Orvieto,  o,  74.000 torri gemelle (quelle distrutte l'11 settembre a New York) o 130.000 parallelepipedi ( Scatoloni immaginari ) la cui base è un campo di calcio di serie a e la cui altezza è il lato maggiore del campo stesso 105 metri. 

OGNI ALIMENTO HA UN SUO COSTO AMBIENTALE 

UNA BISTECCA DI MANZO 500 GRAMMI ARRIVATA NEL NOSTRO PIATTO PRONTA PER ESSERE MANGIATA è COSTATA ALL'AMBIENTE: 

8.000 LITRI DI ACQUA SOTTRATTA 

8,00 KILOGRAMMI DI CO2 PRODOTTA 

OSSERVA BENE:

225 grammi di carne nel piatto hanno prodotto 3500 grammo equivalenti di CO2,  pari alla quantità di CO2 prodotta da una fiat punto o analoghi per percorrere 17.000 metri (17 km)

225 grammi di patate e/o di mele hanno prodotto solo 59 grammoequivalenti di CO2 pari alla quantità di CO2 emessa da una fiat punto o simili per percorrere 300 metri.

OSSERVA ANCORA :

225 grammi di manzo hanno sottratto alla madre terra 4.000 litri di acqua.
225 grammi di verdura hanno sottratto alla madre terra circa 40 litri di acqua.

Calcolando il consumo medio pro capite attuale si ottiene un dato impressionante.

Altrettanto impressionante è il dato,  sempre tenuto nascosto,  della carenza crescente dell'acqua e dell'abbassamento delle falde acquifere in tutti i luoghi del mondo : causa principale l'irrigazione in agricoltura.

Alla carenza di acqua ed all'abbassamento delle falde fino ad oggi si è provveduto in maniera opposta rispetto a come si sarebbe dovuto,  ovvero invece che ridurre l'attingimento e usare dei metodi irrigui più produttivi si è provveduto solo a scavare dei pozzi via via più profondi.

Gli animali da allevamento sono oggi circa 24.000.000.000 e gli individui circa 7.000.000.000.

Per alimentare detta popolazione di animali è stata destinata gran parte delle coltivazioni 2/3 del terreno fertile che è il 20% del terreno totale terrestre e per ospitarli (pascoli ) il 26% dell'intera superficie terrestre.

Se l'alimentazione degli individui fosse basata sul consumo di vegetali, cereali,frutta,ortaggi basterebbe 1/15 dei suoli,e il restante potrebbe essere riforestato, eccedendo largamente l'attuale quota della superficie terrestre destinata a boschi e foreste pari al 32 %.

PER produrre 1 kg . di carne servono mediamente 22 kg di mangime vegetale per produrre il quale servono all'incirca 50 metriquadrati di terreno coltivabile.

La meta dell'acqua consumata negli stati uniti serve per irrigare le coltivazioni destinate alla nutrizione degli animali da macello.

Il settimanale newsweek ha calcolato che per produrre 5 kg di carne bovina serve la stessa quantità di acqua che in un anno consuma negli stati uniti d'america una famiglia media che a sua volta consuma mediamente 350 kg di carne per anno.

Cio' significa che se ogni famiglia media americana si astenesse dal consumo di carne renderebbe disponibile una quantità di acqua per 70 famiglie, una quantità di cereali mais e soia pari a 7.700 kg o una quantità di terre pari a 17.500 metriquadrati e una quantità di energia pari a 400 barili di petrolio circa 63.000 litri quantità sufficiente a percorrere con una automobile di media cilindrata 3 volte l'equatore ( 3 giri intorno alla terra sul parallelo equatore ) o a percorere 210 volte la distanza ROMA - MOSCA.

Pensate che la produzione mondiale di carne ammonta a 310 milioni di tonnellate per anno di cui 180 milioni di tonnellate circa sono scarti.

Per produrre il suddetto quantitativo di carne viene usato un quantitativo di terreno pari al 30% di tutte le terre emerse ed il 66 - 70% di quelle destinate all'agricoltura.

Iimpressionante questo dato!

Ricchezza : oggi ( 01/2018 )l'1% della popolazione detiene il  90% della ricchezza mondiale . Ciò significa che il 90% della popolazione si divide le briciole che restano . Dato allarmante !

Per di più questo 1% decide pure le politiche mondiali........



® 2018 | www.ecobionutrizione.it/
e-mail:

Tel: 0744 992912
Fax: 0744 995239

Ultimo aggiornamento: 17:15 - 06/08/2018
Note Legali | Cookie Policy
by GruppoWeb
Torna su...